Realizzato da 

Idea

Esegui ricerca

 

 

Donatella Solda

Direttore di Future Education Modena

Donatella Solda

Nel 2018 ha co-fondato Wonderful Education srl, per operare sui temi dell'educazione e dell'innovazione. Ha co-progettato e avviato nel 2019 il Future Education Modena, primo EdTech hub in Italia, di cui è Direttore.

É stata membro della Segreteria Tecnica e poi Dirigente nel Gabinetto del Ministro dell’Istruzione, l’Università e la Ricerca, dove ha sviluppato e supportato diverse policy su temi dell'innovazione, incluso la gestione evoluta dei dati MIUR in cui si innesta il sistema nazionale di valutazione della scuola, e dove, dal 2015 ha co-redatto il Piano Nazionale Scuola Digitale, policy quinquennale per l’innovazione del sistema educativo, nell'ambito della riforma del sistema educativo, supportandone l’implementazione fino al 2018.

Ha lavorato per quattro governi e sviluppato iniziative di open government per il Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica, il Dipartimento Riforme Istituzionali e il Ministero degli Esteri, ed è stato membro del primo think tank per l’innovazione al MIUR voluto dal Ministro Profumo tra il 2012 e 2013.

Dal 2003 è stata ricercatrice sui temi del diritto delle nuove tecnologie, con riferimento in particolare a produzione, gestione e circolazione dei beni immateriali e informativi pubblici. É stata docente in Italia di Diritto d'autore e Diritto privato comparato (Università di Bari), Teaching Associate di Diritto Europeo presso la Oxford Brookes University (UK) e di Fundamental Rights presso la Lazarski University di Varsavia (PL).

E-mail

Giacinto Barresi

Ricercatore in Neuroergonomia e User Experience

Ricercatore post-doc in Neuroergonomia e User Experience presso l'Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) di Genova. Dopo essersi laureato in "Psicologia Sperimentale e Neuroscienze Cognitivo-Comportamentali" all’Università di Padova, ha conseguito un dottorato in "Robotica, Cognizione e Tecnologie dell'Interazione" all’Università di Genova, occupandosi di ergonomia cognitiva e interazione uomo-macchina in robotica biomedica.

Lavora nella linea di ricerca Rehab Technologies, laboratorio congiunto IIT-INAIL, studiando i processi neurocognitivi degli utenti di tecnologie assistive, protesiche e riabilitative al fine di rendere tali soluzioni autenticamente centrate sulla persona.

Negli elementi che caratterizzano diversi videogame ha trovato soluzioni altamente versatili in ottica traslazionale, ad esempio nella progettazione di feedback ludici per il neurotraining attentivo di chirurghi e in attività di game design inclusivo atte a rendere l'esperienza ludica accessibile a persone con gravi disabilità.

Federico Cella

Papà, giornalista del Corriere della Sera, esperto di videogiochi

Sono nato nel 1971, ho visto dunque molti cartoni animati giapponesi. Nel 1982 ho avuto in regalo il mio primo computer, un Commodore 64. Lì la mia passione per i videogiochi è diventata ufficiale e l’ho coltivata negli anni anche nel lavoro, passando dalle recensioni per Pc Pratico fino a quelle su Il Giorno e quindi sul Corriere della Sera. Che dopo la laurea in Filosofia nel 1997 è diventato di fatto la mia seconda casa. In via Solferino mi occupo della tecnologia di tutti i giorni e da qualche anno anche della sua applicazione al mondo della scuola.

Ho unito le mie due passioni professionali, dato che dal 2005 insegno giornalismo digitale ai ragazzi, prima all’Università Bicocca quindi alla Statale, nel Master intitolato a Walter Tobagi. Nel 2011 c’è stato il vero evento che ha cambiato la mia vita: è nata Martina, seguita nel 2014 da Valeria. Da allora sono prima papà, quindi giornalista e infine gamer. Perché quello rimane, fortunatamente, per sempre.

Viola Nicolucci

Psicologa Psicoterapeuta con una formazione in Neuroscienze

Psicologa Psicoterapeuta, con una formazione in Neuroscienze. Dal 2011 mi occupo di Cyberpsicologia: l’impatto delle tecnologie digitali - in particolare video games - su singoli, gruppi e comunità.

Mi sono avvicinata ai videogiochi grazie a mio figlio, che ha una diagnosi di disturbi specifici dell’apprendimento. La tecnologia è stato un supporto e i videogiochi un’occasione per sperimentare capacità che avevano solo bisogno di canali e tempi diversi per espri-mersi. Questo mi ha fatto interrogare sul potenziale dei video games sul benessere umano.

Oggi mi occupo di formazione su questi temi con un pubblico di: medici (neuropsichiatri infantili, pediatri, ecc..), psicologi-psicoterapeuti, insegnanti, educatori e gli stessi sviluppatori di video games.

Sono anche membro dell’International Advisory Board di CheckPoint.org un’organizzazione non profit che promuove la salute mentale nella community dei videogiocatori.

Manuela Cantoia

Docente di Psicologia Cognitiva Applicata

Professore associato di Psicologia Cognitiva Applicata presso l’Università eCampus.

Collabora con il Centro di Ricerca sull’Apprendimento e il Diritto allo Studio (CRAD) dell’Università eCampus e il Servizio di Psicologia dell’Apprendimento e del’Educazione (SPAEE) dell’Università Cattolica.

Svolge attività di ricerca, consulenza e formazione sui temi delle tecnologie digitali in relazione all’apprendimento e alla creatività, con particolare attenzione per l’uso dei videogiochi.

Ha tenuto laboratori per bambini, ragazzi, docenti e famiglie. Ha pubblicato volumi e articoli per riviste scientifiche e divulgative. È co-autrice del libro “Figli e videogiochi: istruzioni per l’uso”.

Ivan Ferrero

Psicologo delle nuove tecnologie

Ivan Ferrero è psicologo delle nuove tecnologie, studia come queste ultime stanno cambiando il nostro modo di vivere e di percepire la realtà, affrontando temi quali cyberbullismo, dipendenza da Internet, gioco d'azzardo online, ma anche trovando il lato positivo dei nuovi media.

Opera sul Web con il suo portale www.bullismoonline.it e il suo canale YouTube. É speaker, autore di libri, e aiuta i genitori, i loro figli e i docenti a vivere in modo corretto e consapevole la nuova era digitale per mezzo di laboratori nelle classi e interventi di formazione e supervisione ai genitori, docenti e agli altri operatori del settore.

Donatella Solda

Direttore di Future Education Modena

Nel 2018 ha co-fondato Wonderful Education srl, per operare sui temi dell'educazione e dell'innovazione. Ha co-progettato e avviato nel 2019 il Future Education Modena, primo EdTech hub in Italia, di cui è Direttore.

É stata membro della Segreteria Tecnica e poi Dirigente nel Gabinetto del Ministro dell’Istruzione, l’Università e la Ricerca, dove ha sviluppato e supportato diverse policy su temi dell'innovazione, incluso la gestione evoluta dei dati MIUR in cui si innesta il sistema nazionale di valutazione della scuola, e dove, dal 2015 ha co-redatto il Piano Nazionale Scuola Digitale, policy quinquennale per l’innovazione del sistema educativo, nell'ambito della riforma del sistema educativo, supportandone l’implementazione fino al 2018.

Ha lavorato per quattro governi e sviluppato iniziative di open government per il Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica, il Dipartimento Riforme Istituzionali e il Ministero degli Esteri, ed è stato membro del primo think tank per l’innovazione al MIUR voluto dal Ministro Profumo tra il 2012 e 2013.

Dal 2003 è stata ricercatrice sui temi del diritto delle nuove tecnologie, con riferimento in particolare a produzione, gestione e circolazione dei beni immateriali e informativi pubblici. É stata docente in Italia di Diritto d'autore e Diritto privato comparato (Università di Bari), Teaching Associate di Diritto Europeo presso la Oxford Brookes University (UK) e di Fundamental Rights presso la Lazarski University di Varsavia (PL).

E-mail

Articoli dell'autore