Realizzato da 

Idea

Esegui ricerca

 

 

Lavoro
  15 giu 2020

Creare videogiochi può diventare un lavoro?

Il mondo dei videogiochi rappresenta uno degli sbocchi più d’avanguardia per tanti percorsi di studio universitari e post-universitari che ogni anno sfornano nuovi professionisti e talenti

Creare videogiochi può diventare un lavoro?

Il videogioco è un’opera complessa, un connubio tra ingegnerizzazione e creatività, capace di sfornare esperienze interattive, semplici momenti di svago e interi universi virtuali. Creare un videogioco significa lavorare su molteplici aspetti della produzione, che vedono coinvolti un’ampia gamma di figure professionali. Dal game designer che progetta e scrive le “regole del gioco”, ai programmatori che scrivono il codice che ne consentirà l’esecuzione; dagli artisti che lavorano ai concept preliminari, ai modellatori 3D che realizzano personaggi, ambientazioni e oggetti virtuali; dagli animatori che danno vita ai personaggi, agli attori e doppiatori che infondono in essi espressioni e voci; dai sound designer che curano il comparto audio del gioco, ai compositori che ne realizzano le colonne sonore originali; dai traduttori che rendono il gioco fruibile nelle lingue più parlate del mondo, ai tester che provano e riprovano il videogioco, in tutte le sue versioni, a caccia di bug ed errori da correggere prima del rilascio al pubblico. E questa è solo una rappresentazione semplificata della struttura tipica di un team di sviluppo di videogiochi.

È per questo che il mondo dei videogiochi rappresenta uno degli sbocchi più d’avanguardia per tanti percorsi di studio universitari e post-universitari che ogni anno sfornano nuovi professionisti e talenti. Dalle rilevazioni effettuate dall’associazione di categoria IIDEA – Italian Interactive Digital Entertainment Association, nell’ambito del Censimento dei Game Developer Italiani 2018, risulta che l’età media degli sviluppatori di videogiochi in Italia è di 36 anni, con una concentrazione del 41% nella fascia tra i 25 e i 35 anni. Inoltre, i professionisti dell’industria dei videogiochi italiana si connotano per una formazione di livello avanzato: oltre la metà degli intervistati (58%), infatti, è in possesso di un titolo accademico (laurea triennale, laurea magistrale, master o dottorato di ricerca).

In Italia, come nel resto del mondo, è presente una variegata offerta formativa, pubblica e privata, che fornisce a studenti di tutte le età gli strumenti necessari a fare il proprio ingresso nel mondo della produzione dei videogiochi. Occorre tuttavia considerare come, in base al censimento di IIDEA, gli ambiti di studio prevalenti siano di natura tecnico-ingegneristica, mentre figure professionali con competenze di economia e gestione d’impresa sono ancora poco frequenti.

Accanto a una progressiva specializzazione tecnica, l’esperienza sul campo continua ad avere un peso importante all’interno del settore: non bisogna dimenticare che, come in altri settori creativi e innovativi, nel mondo dei videogiochi conta la capacità del singolo di aggiornarsi, di sperimentare e di misurarsi con un ambiente altamente dinamico e competitivo, ma che sa offrire anche tante opportunità di confronto e crescita personale.

Redazione di TuttoSuiVideogiochi